reporter in erba ?

Cerchiamo ragazzi in gamba che vogliano scrivere brevi articoli e news in qualche modo collegate al mondo degli studenti. Mandaci un'email a info@asvp.it se ti interessa.

sala studi

Vieni a studiare in sala studi Forzinetti! Siamo in piazza XX settembre in pieno centro!
 

login

utente:
password:
| salva password

prima pagina

non disponibile
prima pagina in aggiornamento! attendi alcuni secondi e poi ricarica la pagina !

pubblicità

Comunicazioni ASVP
.
Tappi di Plastica
 11:31 domenica 24 maggio 2009




Per molto tempo  si è creduto che la raccolta dei soli tappi di plastica fosse una leggenda urbana, ed invece ha tutto il peso di una cosa vera, tangibile ed economicamente verificabile.

Cominciamo subito con il dire che ogni tappo di bottiglia di plastica recuperata ha il valore singolo di € 0,04 (per la precisione 4,25 centesimi di euro. Una tonnellata di tappi di plastica vale circa 170 €.

Ma perché non raccogliere anche le bottiglie, insieme ai tappi, visto che si otterrebbe molto più denaro per le opere di beneficenza?

La risposta è semplice: la legge lo vieta perché la raccolta dei rifiuti urbani è affidata a società che ne hanno la concessione in esclusiva. Le bottiglie, quindi, possono essere raccolte solo da questi Enti, mentre i tappi non sono considerati rifiuto urbano e così anche i privati o le associazioni possono farsene carico.
In più perché chi organizza la raccolta dei tappi ha già il problema di trovare degli spazi sufficientemente grandi per accumulare i tappi: una tonnellata, che rende circa 170 euro, corrisponde a più di 400.000 tappi.
Un'altra difficoltà, è quella di trovare dei camion con cui portare gratuitamente tutto questo materiale alle società di riciclaggio.

Le due questioni sono tutt'altro che marginali perché rivelano che la raccolta dei tappi di plastica di per sé è un'operazione anti-economica, se si considerano i costi per promuovere l'iniziativa, quelli sostenuti dai volontari per il trasporto del materiale al punto di raccolta, quelli di deposito e infine quelli per portare i tappi presso le società di riciclaggio. Diventa invece un'attività molto importante se produce un risultato di carattere più generale e cioè quello di sensibilizzare una comunità rispetto a un problema come quello delle condizioni di vita nei Paesi sottosviluppati o delle carenze del servizio offerto dal sistema sanitario in Italia, creando una rete di volontari capaci di mobilitarsi su nuove iniziative.

Realtà o leggenda?

Quando nel 1993 si è sparsa per la prima volta in Italia la voce che con la raccolta dei tappi si poteva contribuire a comprare una carrozzina per un handicappato in realtà non esisteva nessuna raccolta. Nel 1995 fece molto scalpore la storia di un disabile che in provincia di Novara aveva raccolto 5 quintali di tappi, ma poi dovette amaramente scoprire che in realtà nessuno glieli avrebbe "convertiti" in una carrozzina. Quando la notizia uscì sui giornali una signora organizzò una colletta e così per fortuna la vicenda ebbe un lieto fine.
È probabile allora che l'idea di organizzare realmente questa raccolta sia venuta proprio a chi aveva sentito la vecchia leggenda, ma a confermare il carattere leggendario della storia resta anche il fatto che la voce della raccolta dei tappi è oggi diffusa un po' in tutta Italia, mentre le raccolte effettivamente realizzate sono poche e tutte di carattere locale. Il confine tra realtà e leggenda è in questo caso quindi davvero sfumato.
Perciò è importante, se vi propongono di raccogliere tappi o altro materiale, capire subito se c'è un Ente serio che sta davvero organizzando la raccolta o se si tratta solo dell'ennesima riproposizione di una vecchia leggenda. Solo così non rischierete di prendere... tappi per lanterne!

Non so ancora chi abbia messo il bidone per la raccolta qui in sala studio, ma ho cercato un organizzazione che raccogliesse questi tappi qui in provincia di Varese e che ci facesse qualcosa di utile.
Ho trovato un organizzazione che per poter costruire pozzi in Africa fa la sua raccolta nelle provincie di Varese, Milano e Bergamo.

Per saperne di più sull'organizzazione a cui doneremo i nostri tappi ecco il LINK al sito.
Si tratta di un gesto semplice e che non costa nulla, allora perché non farlo?


Add to Googlecommenti rss2feed

nessun commento presente
per inserire un commento effettua il login

page written in 0,22 seconds

post<li>